Madonna col Bambino di Paolo Schiavo

Paolo Schiavo, Madonna col Bambino

Oggetto: Madonna col Bambino e due angeli (part.) 
Autore: Paolo di Stefano Badaloni detto Paolo Schiavo (1397 -1478)
Tecnica: Affresco (staccato e riportato su supporto ligneo)
Localizzazione: Firenze
Dimensioni: cm 238x330
Tipo di intervento: Restauro conservativo e pittorico
Fine lavori: 2006
Direzione: Lavori Maria Matilde Simari
Restauratori: Amedeo Lepri e Alessio Lepri, A. L. Restauro
Finanziamento: Ministero per i Beni e le Attività Culturali

L’affresco era in origine posto sulla facciata della chiesa, dove ha subito particolarmente i danni dovuti alle intemperie e alle variazioni climatiche. Nel 1960 Ugo Procacci segnalava le cattive condizioni della pittura le cui ampie lacune della zona inferiore lasciavano intravedere “una bellissima sinopia”. Lo stacco della pittura ad affresco e della sinopia avvenne non molto tempo dopo. Se la sinopia dal raffinato disegno assegnata a Paolo Schiavo è stata da tempo ricollocata in chiesa nella prima cappella di sinistra, l’affresco è rimasto dai primi anni Sessanta nei depositi statali per essere infine restaurato nel 2006 con i fondi ministeriali della Soprintendenza per il Patrimonio Storico e Artistico di Firenze.
Il restauro è consistito nelle operazioni di consolidamento e pulitura della superficie pittorica alterata da polveri stratificate e vecchi fissativi, stuccatura delle lacune e infine dal ritocco pittorico, velature di colore e calibrate integrazioni.
Il restauro così abilmente eseguito, ci ha restituito nella primavera del 2006 un’immagine segnata da una vasta lacuna, ma pur sempre affascinante e con alcuni particolari pittorici che confermano la presenza della mano di Paolo Schiavo che venne però probabilmente aiutato da un collaboratore.
L’affresco aveva dunque al centro l’immagine della Vergine col Bambino sullo sfondo di un ampio tendaggio sostenuto da due angeli; la scena era incorniciata da motivi decorativi alternati a piccole ma eleganti teste di cherubini. Queste testine, variate nelle fisionomie e nelle posizioni, costituiscono insieme alle figure dei due angeli reggicortina gli elementi che permettono di individuare l’ottima qualità dell’affresco, concepito quasi come una grande pagina miniata sulla facciata della chiesa dei SS. Apostoli. L’opera è stata ricollocata sulla parete di destra della stessa cappella dove era già posta la sua sinopia. Tale collocazione permette di conservare la memoria del rapporto tra le due opere ed anche di valutare le differenze tra la prima idea della pittura e la sua realizzazione finale le cui variazioni rispetto al disegno preparatorio erano volte principalmente a dar rilievo e visibilità all’immagine della madonna alla quale volgevano gli occhi e la propria devozione coloro che passavano nell’antica piazzetta del Limbo e i fedeli che entravano nella chiesa dei Santi Apostoli.


Bibliografia
M. M. Simari, Presentazione del restauro dell’affresco di Paolo Schiavo Madonna col Bambino e due angeli, affresco e sinopia staccati, collocati nella Prima Cappella di sinistra; Firenze chiesa dei Santi Apostoli, 3 febbraio 2007

Paolo Schiavo, chiesa dei Ss. Apostoli, Madonna col Bambino  (part.)