Palazzo Capponi

Firenze, Palazzo Capponi, la facciataIl palazzo fu fatto costruire dal 1702 dal marchese Alessandro Capponi, sulla strada che all'epoca si chiamava via San Sebastiano, in terreni acquistati da Salviati e dai Rimbotti. Fu disegnato dell'architetto romano Carlo Fontana, uno dei più in voga all'epoca, e venne completato dall'architetto Alessandro Cecchini circa quindici anni dopo, quando ormai sia il Fontana, sia il marchese Capponi erano deceduti. Numerose fonti citano come presente al completamento dell'opera anche l'architetto fiorentino Ferdinando Ruggieri, il quale però all'epoca dei lavori sarebbe stato appena un adolescente, poiché nato nel 1690: più probabilmente il Ruggieri prese parte ai successivi lavori di arredamento e sistemazione interna, oltre alla sistemazione del giardino voluti dai figli di Alessandro Capponi (Scipione e Francesco Maria) verso il 1740. Nel 1788 il ramo di Alessandro Capponi si estinse e passò a Pier Roberto Capponi, un altro parente, e da lui a suo figlio, il famoso Gino Capponi.
Alla sua morte il palazzo andò alla figlia Marianna, sposata con un Farinola di Genova, per poi venire acquistato nel 1920 da Egisto Paolo Fabbri, collezionista d'arte, in particolare di Cézanne, che sistemò qui la sua collezione durante il suo soggiorno fiorentino.
L'esterno è maestoso ma non particolarmente appariscente: un grande corpo centrale affiancato sullo stesso piano da due ali laterali di un piano più basse. L'interno è invece decorato secondo il più puro sfarzo, con saloni affrescati, statue e grandiose scalinate.
Nel braccio sud la grandiosa scalinata in pietra serena è coronata sul soffitto da un affresco allegorico di Trionfi, mentre quello che è il vano delle scale è occupato da un ninfeo, con statue classicheggianti e una fontana di concrezioni spugnose e incrostazioni di conchiglie. Tra i pittori che presero parte alla decorazione vi furono Matteo Bonechi, Atanasio Bimbacci, Giovanni Cinqui, Giovanni Camillo Sagrestani ed altri.
Il palazzo possiede un giardino privato che si estende sul retro lungo via Giusti, arrivando a confinare, sebbene separati da un muro divisorio, con il Giardino della Gherardesca. Davanti all'ingresso principale del palazzo si apre l'entrata posteriore del Giardino dei Semplici, mentre a pochissima distanza si trova il Palazzo di San Clemente con i resti del suo giardino, a testimoniare come in passato questa zona fosse caratterizzata dalle numerose aree verdi private. Nel palazzo vi abitò e vi morì, nel 1850, anche il poeta Giuseppe Giusti.

Visita anche il Repertorio delle Architetture Civili di Firenze: www.palazzospinelli.org/architetture



Modalità di fruizione dell'immobile

Firenze, Palazzo Capponi, facciata internaPalazzo Capponi
Via Gino Capponi, 26 - Firenze

Modalità di visita
La visita potrà avvenire tutti i primi lunedì di ogni mese dalle ore 15,00 alle ore 18,00, ad eccezione del mese di agosto che verrà recuperato nel secondo lunedì del mese di luglio, su prenotazione con congruo anticipo.
Sarà facoltà della proprietà predisporre un apposito registro per la raccolta dei nominativi dei visitatori.

Visita durante le manifestazioni culturali
L'immobile sarà inoltre visitabile dalle ore 15,00 alle ore 18,00 di tutti i giorni della manifestazione denominata "Settimana della Cultura".

Informazioni e prenotazioni
Tel. 3297066422

Fruibilità da parte di gruppi
Le visite potranno avvenire di volta in volta, con gruppi di visitatori in numero no superiore a dieci.

Ambienti accessibili
Saranni visitabili la Galleria, l'ingresso e lo scalone monumentale.

Validità dell'atto di Convenzione
Convenzione stipulata in data 15 maggio 2008, validità anni 11 (undici).

Pagina pubblicata in data 9 dicembre 2010

 

 

Firenze, Palazzo Capponi, la facciataFirenze, Palazzo Capponi, ingresso principaleFirenze, Palazzo Capponi, particolare della facciata con lo stemma di famigliaFirenze, Palazzo Capponi, facciata (part.)Firenze, Palazzo Capponi, facciata internaFirenze, Palazzo Capponi, facciats internaFirenze, Palazzo Capponi, particolare della facciataFirenze, Palazzo Capponi, mascheroneFirenze, Palazzo Capponi, particolare della facciata con la targa dedicata a Giuseppe GiustiFirenze, Palazzo Capponi, lo scalone monumentale nell'ala sud Firenze, Palazzo Capponi, una sala affrescata al pian terrenoFirenze, Palazzo Capponi, il giardino (part.)