Concessioni di Scavo e Ricerche Archeologiche

(Responsabile: Dott.ssa Arianna Vernillo)

(artt. 88-89 D.Lgs. 42/2004 e ss.mm.ii.

ISTRUZIONI E MODULISTICA
Le attività di ricerca archeologica sono riservate al Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, che può svolgerle direttamente oppure affidarle in concessione ad altri soggetti pubblici o privati (articoli 88 e 89 del D. Lgs. 42/2004).

Per le modalità procedurali e le restrizioni relative alle concessioni di ricerca, in particolar modo relativamente allo scavo in aree non demaniali e al premio di rinvenimento ex art. 92 del DLgs 42/2004, si rimanda alle lettere circolari della Direzione Generale Archeologia nn. 24/2012, 8/2013, 3/2015 e, in particolare, alla circolare n. 6/2016 e alle successive emanate dalla Direzione Generale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio n. 21/2016, n. 17/2018, n. 37/2018, n. 4/2019, n. 7/2019. Da ultimo, ulteriori precisazioni procedurali sono fornite dalla circolare n. 30/2019 della DG ABAP.
Più in generale, per le norme che regolano il settore, si vedano le circolari n. 94 del 10/07/2000 dell'Ufficio Centrale per i Beni Ambientali, Archeologici, Artistici e storici e le note prott. 14184 del 30/09/2004 e 958 del 04/10/2005 della Direzione Generale per i Beni Archeologici. Si rinvia, infine, a quanto contenuto nel RD 363/1913 agli artt. 100-115.
Per ulteriori informazioni sulle modalità operative, sulla normativa e sulla modulistica aggiornata, consultare il sito dell’Istituto Centrale per l’Archeologia:

http://www.ic_archeo.beniculturali.it/it/231/concessioni-di-scavo

Documentazione disponibile a:
http://www.ic_archeo.beniculturali.it/it/240/istruzioni-e-modulistica-per-i-richiedenti-la-concessione

Per informazioni contattare:
Dott.ssa Arianna Vernillo tel. 055.2651 - arianna.vernillo@beniculturali.it